IMMIGRAZIONE O INVASIONE?

Andare in basso

IMMIGRAZIONE O INVASIONE?

Messaggio  Gregor il Dom Ott 05, 2008 8:46 am

Di questi tempi si fa un gran parlare di immigrazione, di intolleranza razziale, di razzismo.
Da che mondo è mondo chi ha dovuto emigrare in terra straniera ha sempre dovuto adeguarsi alla cultura, agli usi e i costumi della terra che l'ha accolto, ha dovuto occuparsi in prima persona della sussistenza propria e della propria famiglia andando tranquillamente a lavorare come da sempre fa la stragrande maggioranza della popolazione del mondo.
Qui sta succedendo qualcosa di strano...
Vengono e subito hanno l'atteggiamento dei padroni.
Passati i primi momenti necessari per ambiantersi, pochi sfuggono alla regola del ghetto, vie ma anche interi quartieri dove se ti avventuri, tu italiano ti senti straniero. In ogni città e in ogni paese si vive quotidianamente questa realtà. Vie e quartieri dove una volta potevi passeggiare in tutta tranquillità anche di notte, ma che oggi si sono profondamente trasformati, All'imbrunire, anche i pochi Italiani ancora residenti in quelle zone si barricano letteralmente in casa. E' il coprifuoco e se sgarri lo fai a tuo rischio e pericolo. E' vita questa? Prigioniero nella tua terra, prigioniero nella tua casa?
Poi in TV vedo i loro cortei contro l'intolleranza razziale, li vedo sfilare gridando slogan e inneggiando all'integrazione.
Devo dire che hanno un ben strano concetto dell'integrazione.
Integrazione significa assimilare usi e costumi del popolo che sti sta ospitando, significa rispettare le regole della nazione nella quale ora vivi... ma io sto vedendo cose che proprio non mi piacciono, quali arroganza e prepotenza dilaganti.
Tutti ormai sappiamo che l'immigrazione è inevitabile e per nostra stessa ammissione necessaria e che il nostro futuro sarà quello di una società multi etnica, ma è il loro modo di porsi che non mi piace.
Mi sorge un dobbio atroce. Siamo di fronte ad un fenomeno di immigrazione di massa o peggio, di fronte ad un fenomeno di colonizzazione ed invasione?
Sto ancora cercando di capire.
Datemi una mano a capire.
Semper Ad Majora.

Gregor.

Gregor

Numero di messaggi : 1081
Età : 67
Località : Un angolo di Paradiso... Il Mio...
Data d'iscrizione : 31.08.08

Foglio di personaggio
Gioco di Ruolo:

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRAZIONE O INVASIONE?

Messaggio  Anatas il Dom Ott 05, 2008 9:20 am

niente di tutto questo oforse si.
Ma dobbiamo solo ringraziare quella frangia politica, sicuramente non di dx, che è eccessivamente garantista e buonista e non per bontà d'animo ma solo per convenienza.
Se vieni a casa mia tu fai quello che dico io. Se non ti sta bene a calci nel culo ti spedisco via.
E' così che funziona nei paesi evoluti. In Italia abbiamo ancora tanto da evolverci, se pensiamo che quel tale Adel Smith, ricoverato pre un male, sfortunatamente, curabile ha avuto da dire nell'ospedale perchè vi erano figure di madonnine e crocefissi. E cosa hanno fatto? Per non deturpare la sanità del pover ammalato e la sua integrazione all'interno dell'ospedale, hanno levato TUTTO!
Fessi gli altri che sono stati in silenzio. Io avrei sollevato un vespaio e avrei pestato a sangue Adel Smith.
Chiamatemi pure razzista adesso.
avatar
Anatas
Admin

Numero di messaggi : 431
Età : 37
Località : Gravina in Puglia
Data d'iscrizione : 29.08.08

Foglio di personaggio
Gioco di Ruolo: Casualità

http://www.theemptydream.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRAZIONE O INVASIONE?

Messaggio  nix il Dom Ott 05, 2008 10:04 am

Buongiorno a tutti Sleep .
Per quanto riguarda il quesito posto da te Gregor, penso che si tratti nè più nè meno che di logiche di branco che, in caso di conflitto, fanno saltare la debolissima crosta di civiltà che ci ricopre e che in alcuni è più debole (senza distinzioni di razza vedi Mladic e la guerra nella ex jugoslavia) .
Prendiamo il caso Abba: tu invadi il mio territorio, non mi rispetti, e io ti attacco. Il razzismo e il furto di biscotti sono dettagli molto marginali. Vorrei dire che l'uomo è uno dei pochi animali che non ha un comportamento codificato di resa, ad es il lupo sconfitto mostra la gola e il vincitore lo risparmia, mentre l'uomo ha la tendenza ad infierire. Se lo stato, che è quello che ha il compito di salvaguardare questa debole civiltà si chiama fuori, il risultato è la barbarie. Si Gregor, è un'invasione di territorio, chi lascia fare per calcolo politico o, peggio, per speculazioni edilizie è il vero colpevole, noi e gli immigrati siamo solo attori dello spettacolo.
avatar
nix

Numero di messaggi : 142
Località : Rivalta di Torino
Data d'iscrizione : 31.08.08

Foglio di personaggio
Gioco di Ruolo:

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRAZIONE O INVASIONE?

Messaggio  Gregor il Dom Ott 05, 2008 1:27 pm

Dopo aver a lungo meditato credo di aver finalmente capito.
Siamo di fronte ad una vera e propria colonizzazione o per meglio dire; invasione.
L'hanno capito anche loro che in Italia si può fare e dire quello che si vuole alla faccia degli italiani, il caso Adel Smith ne è solo un esempio.
Il problema nostro è multiforme e ha diverse facce, La prima è il Vaticano che per sua vocazione si dimostra fin troppo accondiscendente e tollerante verso queste nuove orde barbariche, che spesso e sovente si arroga il diritto di criticare la politica italiana in una forma nemmeno tanto celata di vera e propria ingerenza negli affari interni del Paese. La seconda faccia è la nostra classe politica che ben conosce il problema e grattandosi la pera si dice che forse sarebbe il caso di fare qualcosa. La terza faccia è rappresentata dall'opposizione che qualunque cosa faccia o dica la maggioranza in merito al problema è sempre sbagliata. La quarta faccia è rappresentata dal Parlamento Europeo che non appena può ci taccia come razzisti.
Sapete cosa vi dico? La mia paura è che uno di questi giorni qualcuno possa perdere la testa e allora, fatti come il caso ABBA non sarebbero più casi isolati ma la normalità, un pò come l'America del KKK. Bello vero? Peccato che a farne le spese sarebbero anche quelli tra loro poveri cristi che effettivamente lavorano, che effettivamente si sono integrati nella nostra società. Brave persone che hanno scelto "L'ESILIO" forzato per fuggire alle guerre e alla povertà, per garantire a sé stessi e alle proprie famiglie quel pò di benessere per cui ANCHE tutti noi ci sbattiamo quotidianamente.
E' per questo che che Stato dovrebbe veramente darsi una smossa in tal senso, per garantire si gli Italiani in Italia, ma anche in difesa delle migliaia e migliaia di immigrati che qui si sono integrati perfettamente e che io non faccio assolutamente fatica a chiamare Italiani.

Semper Ad Majora.

Gregor.

Gregor

Numero di messaggi : 1081
Età : 67
Località : Un angolo di Paradiso... Il Mio...
Data d'iscrizione : 31.08.08

Foglio di personaggio
Gioco di Ruolo:

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMMIGRAZIONE O INVASIONE?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum